it | en

È impossibile guardare queste immagini senza avvertire l’atteggiamento di abbandono, autentico e euforico,  con il quale Adriana Argalìa ha  - ogni volta -  varcato la soglia del Pergolesi di Jesi o degli altri squisiti spazi teatrali del territorio marchigiano andando incontro alle scoperte che lo spettacolo le avrebbe svelato.
Joseph Campbell, uno dei più grandi studiosi contemporanei di mitologia comparata e religioni, ricorda come le antiche mitologie servivano a depurare i canali della percezione e prepararli “alla meraviglia ad un tempo affascinante e terribile di noi stessi e dell’universo”.  Si comprende allora perché le Muse nascano come “canali di passione”: la recitazione, il canto, la danza, le forme d’arte comunicano emozioni che alimentano nell’uomo la capacità di sentire e interagire con il mondo, spaziare oltre i ristretti confini della ragione.   
Dalla notte dei tempi questo è il teatro: mettere in scena l’uomo, le ombre che emana  e come spettatori attivi confrontarci  con esse,  dare loro un nome riappropriandoci così dei chiaroscuri del nostro essere.
Per questo l’incontro tra la visione fotografica di Adriana Argalìa e il Teatro è stato fulminante: attraverso la sensibilità del suo occhio, naturalmente predisposto a captare i mutevoli paesaggi interiori, vengono colti e resi riconoscibili aspetti della  rappresentazione teatrale altrimenti indistinti.  Adriana Argalìa è uno spettatore che sembra travolto da un sentire quasi fisico, capace di indurre lo scatto prima che la volontà possa manifestarsi.
Una sinergia emozionale ed artistica alla quale  - a nostra volta ‘spettatori’ del suo saper vedere - aprirci con riconoscenza per gli attimi di abbagliante intensità che ha catturato.

 

                                                                                   

© Tutte le fotografie di questo sito sono proprietà di Adriana Argalia.
Vietata la riproduzione.